Crea sito

FOCUS: Football without fans is nothing

2 luglio 2013

Focus

img_GZb8nhQuesta settimana per il consueto focus riprendiamo un articolo del sito “dodicesimouomo.net”. Un articolo che punta l’attenzione sulla recente protesta dei tifosi inglesi, e che la paragona all’immobilismo dei tifosi italiani, trovandoci ovviamente d’accordo al 100%:

“Football without fans is nothing” lo slogan. Il caro biglietti e il calcio televisivo che non rispetta il tifoso, le ragioni della protesta. L’idea di questo corteo è nata dopo un paio di incontri organizzati dai gruppi di tifosi del nord-ovest dell’Inghilterra e di Londra con gli Spirit of Shankly del Liverpool, i veri ideologi della marcia. Il tutto sulla scia delle proteste nate un anno fa negli stadi contro i prezzi troppo alti. Così i tifosi dell’Arsenal hanno marciato a fianco dei loro rivali degli Spurs e i tifosi del Liverpool stretti a quelli del Manchester United. Uniti per una causa nobile: far tornare la working class allo stadio e riconsegnare il football alla sua vera dimensione, quella di sport (e non di mero spettacolo televisivo) interclassista e popolare. Due aggettivi che il tanto celebrato modello inglese, quello che noi a sentire i soloni dovremmo supinamente copiare in tutto, ha ridimensionato fin dagli anni ’90. Da Murdoch a Berlusconi (e ai loro tanti piccoli emuli) poi il passo è stato (fin troppo) breve e si è propagato un po’ dappertutto. Risultato? Il football è sempre meno sport e sempre più entertainment glamour e non per tutti. Fa in parte eccezione la Germania, cogli azionariati popolari diffusi e i settori popolari rimasti… popolari, sia per il modo di vedere la partita (in piedi a tifare), che per i prezzi in rapporto al reddito.

I sudditi della Regina, in altre parole, si stanno ribellando allo status quo da almeno un anno. E noi? Formalmente cittadini di una repubblica parlamentare – sebbene “imperi” de facto “Re” Giorgio Napolitano, e il Parlamento, a furia di decreti legge del governo di turno, sia spoglio di ogni potere da anni – siamo sudditi di una cosa ben più modesta, eppure complessa della Regina: l’italianità. Ci aumentano sensibilmente gli abbonamenti, nonostante la crisi economica e soprattutto senza migliorare le condizioni di accesso agli stadi (tornelli, tessere del tifoso) e all’interno degli stessi (bagni, bar ecc)? Sbraitiamo, ci incazziamo, urliamo, imprechiamo… mezza giornata. Poi accettiamo tutto passivamente, anzi insultiamo chi nell’immobilità generale si è limitato ad alzare appena un sopracciglio. Reagiamo all’italiana, ecco: subito incazzosi e riottosi, poi remissivi, pavidi e conformisti. Spesso addirittura più papisti del Papa, diamo di gomito al più forte (le società in questo caso) per sentirci moderni e fighi, additando a tristi sfigati lagnosi i “ribelli”. Un doppio sbaglio.

Basterebbe invece che ogni tifoseria avesse una sua “lobby” istituzionale davvero indipendente, che con intelligenza, metodo e rispetto per le ragioni del proprio club di appartenenza, incidesse sulle scelte del medesimo quand’esse riguardano direttamente  la vita del tifoso (biglietti, abbonamenti, decoro degli stadi, rispetto dei simboli e dei colori). Perché  “Football without fans is nothing”. Perché il calcio non è e non sarà mai un’azienda come le altre. Perché dietro a ogni club non c’è solo un patrimonio economico (che spesso varia in base alle categorie), ma anche umano (ricordate quella squadra con diecimila abbonati in C?). Perché nella storia di un club medio-piccolo le categorie variano, i tifosi no. Mi piacerebbe accadesse, che nascesse sul serio un vero contropotere istituzionalizzato, affinché non passasse sempre tutto sotto silenzio. Ma dubito accadrà, siamo italiani mica inglesi.

Comments

comments

, , , , ,

Subscribe

Subscribe to our e-mail newsletter to receive updates.