Crea sito

LIBERI PENSIERI: Il razzismo, un’ottima scusa – Secondo atto

2 agosto 2013

Liberi pensieri

CostantAlla fine, di razzismo non si trattava. Eppure ci hanno provato in tutti i modi a dimostrarlo. Hanno messo al lavoro ben tre Digos (quella di Milano, di Torino e di Reggio Emilia) a spese dei contribuenti, per individuare una persona che avrebbe espresso una frase razzista. Nemmeno per un caso di omicidio avrebbero mobilitato così tante forze dell’ordine. E state pur tranquilli che hanno fatto di tutto, avrebbero fatto di tutto pur di trovare un colpevole, anche inventandolo: ne andava della loro carriera. Ma non c’è stato proprio verso, alla fine hanno dovuto ammettere che Constant non è stato vittima di alcun atto di razzismo.

Tutto ciò non è altro che la cartina del tornasole di quanto sia sprofondata l’Italia, di quanto sia diventato ridicolo e fuori dal mondo quello che un tempo veniva chiamato “bel paese”. Alla fine il razzismo degli italiani, è stata una splendida invenzione dei media e di qualche politico che alla fine degli anni ’80 aveva tutto l’interesse a cavalcare l’onda. E nel corso degli anni è stato curato amorevolmente come si fa con un giardino, con casi del genere che non hanno fatto altro che rendere gli italiani sempre più razzisti, per reazione contraria.

La “lotta al razzismo” sarà la grande battaglia del prossimo campionato. Stiamo attenti a non caderci dentro dalla parte delle vittime, perchè nessuno avrà pietà di noi. Anche se poi dovessero dimostrare che abbiamo ragione.

Comments

comments

Subscribe

Subscribe to our e-mail newsletter to receive updates.