Crea sito

NEWS: Nuove norme repressive in Turchia

22 agosto 2013

News

taksim

Dopo le proteste in Piazza Taksim, che hanno visto la partecipazione attiva della “Istanbul United” (clicca qui per saperne di più) arriva la panzanata del governo turco, che studia nuove norme per tenere gli ultras lontani dalle piazze, magari raccontandoci la panzanata (buona giusto per l’italiano medio di turno) che la politica deve rimanere fuori dello sport, come ci racconta questo articolo ripreso da mondocalcio.wordpress.com:

La capacità degli ultras delle principali club di Istanbul di mettere da parte le reciproche rivalità e di scendere in piazza contro l’autoritarismo del governo turco ha fatto storia e ha cambiato la stessa percezione del rapporto tra curve e politica. Durante le proteste che hanno coinvolto la più europea delle città turche a cavallo tra maggio e giugno, era nata anche un’etichetta, “Istanbul United”, sotto le cui insegne avevano marciato uniti i supporter di Besiktas, Fenerbahce e Galatasaray.

Quel modello, evidentemente, non è piaciuto alle autorità turche, che nei mesi successivi si sono date da fare per evitare che lo stesso tipo di partecipazione possa riproporsi in futuro.

Alcune decisioni prese da Ankara durante l’estate ne sono la prova. Il provvedimento decisivo è stato quello annunciato dal ministro dell’Interno Muammer Güler, che ha proibito agli ultras di intonare “slogan politici” nel corso delle partite.

Il piano del governo Erdogan prevede il dispiegamento di agenti in borghese nelle curve e l’istallazione di telecamere in gradi di individuare chiunque intoni “slogan che travalichino i limiti dello sport”.

Sempre durante l’estate – stando a quanto riportato dal ministero dell’Interno di Ankara – sono stati indagati oltre 4mila ultras ed è stato creato un nuovo database per schedare i responsabili di “crimini sportivi”.

In precedenza la magistratura turca aveva messo sotto accusa 94 persone che avevo preso parte alle proteste dello scorso maggio, tra cui 20 rappresentanti degli ultras Carsi, la frangia politicizzata del tifo del Besiktas. Per loro, veri artefici dello Istanbul United, l’accusa è di far parte di un associazione illegale.

Vari provvedimenti che vanno in un’unica direzione: la politica deve restare fuori dalle curve. E soprattutto gli ultras devono restare lontani dalle piazze.

Comments

comments

, , ,

Subscribe

Subscribe to our e-mail newsletter to receive updates.